TESTO DEL VOLANTINO CONTRO LE SOPPRESSIONI DI CANI E GATTI IN CROAZIA; DIFFONDETE!

CROAZIA :

UN PARADISO PER I TURISTI…..CARCERE E MORTE

PER CANI E GATTI

Ogni anno in Croazia vengono soppressi migliaia di cani e gatti,  la scusa nell’indifferenza totale della gente e` quella del problema del randagismo.

I cani vengono catturati, detenuti per due mesi e poi soppressi, il tutto in cliniche veterinarie private (šinteraji) convenzionate con i diversi comuni mentre i gatti vengono avvelenati per strada o soppressi subito dopo la cattura. Le soppressioni di cani e gatti sono regolamentate dalla legge croata per la protezione degli animali del 2007.Questa legge affida la gestione della «problematica» del randagismo ai comuni prevedendo due opzioni: il mantenimento dei cani in strutture simili a canili o la soppressione dopo due mesi di reclusione negli šinteraji (canili sanitari). Ovviamente tutti i comuni hanno scelto l’alternativa della soppressione, piu` vantaggiosa per le cliniche veterinarie convenzionate e per le amministrazioni pubbliche amiche.

In Croazia come in altri stati la problematica del randagismo e` fittizia e probabilmente funzionale per redistribuire denaro pubblico con le solite tecniche pseudomafiose degli appalti pubblici (cosa che avviene certamente anche in Italia).

Le soppressioni sono convenienti agli amministratori pubblici e alle cliniche veterinarie che gestiscono i canili sanitari. I comuni sopprimendo i cani e i gatti  non devono costruire strutture per accogliere gli animali  senza una famiglia, magari applicando delle serie politiche di fronte alle problematiche degli animali abbandonati o vaganti, mentre per le cliniche veterinarie convenzionate questo significa molto denaro senza nessuna spesa. In molti casi sono situazioni di clientelismo a determinare il rapportro tra amministratori pubblici e cliniche private.

Queste cliniche carcere sono pagate per la cattura dei cani, per il loro mantenimento (in un piccolissimo box con giusto il cibo necessario alla sopravvivenza) per i successivi due mesi e poi per la soppressione. In media le cliniche veterinarie ricevono dai Comuni circa 4 euro al giorno per recluso. Inoltre se il legittimo proprietario reclama il cane catturato e in attessa di soppressione deve pagare il mantenimento e una multa molto alta, altri soldi per i veterinari, mentre se e` un privato o un’associazione a chiedere il cane per adottarlo questi devono fare i vacini a loro spese all’interno della stessa clinica per avere l’animale. Questo fa si che le cliniche veterinarie convenzionate abbiano tutto l’interesse a catturare, detenere e sopprimere il maggior numero di cani anche se risulta evidente che quei cani abbiano gia` una famiglia e magari si siano smarriti o sono lasciati liberi di girare durante la giornata.

Nessuno dei cani detenuti viene sterilizzato, vacinato o microchippato se non a spese di chi vuole salvarli adottandoli.

ŠINTERAJ : I canili sanitari sono dei veri e propri lager ,costituiti da piccole celle una accanto all’altra pulite e spoglie , tutto e` fretto e regolare in modo da annulare la vita dei reclusi, rendendoli  degli oggetti, dei numeri di cui si deve sapere solo la data di cattura e  di soppressione.

Non c’e` nessuna certezza per chi vi e` recluso tranne la totale arbitrarieta` dei carcerieri.

L’ unica legge che vige all’interno  del  canile sanitario e` quella del profitto, un cane resta in vita fino allo scadere dei due mesi perche´ durante questo periodo i comuni pagano un mantenimento giornaliero per gli animali, spropositato confronto le condizioni in cui vivono gli incarcerati. Dopo due mesi i cani non producono piu` profitto e percio` devono essere eliminati, sostituiti.

L’unico modo per opporsi e` quello diretto andando in queste cliniche e adottando i cani, prendendoli magari per poi cercargli una casa definitiva, questo lo stiamo gia` facendo, questa e` la strada piu` veloce ma a lungo rischia di diventare insostenibile.

Si deve colpire alla base il problema colpendo il sistema al cuore, gli interessi economici.

Le soppressioni sono finanziate dai comuni, comuni che spesso traggono i maggiori profitti dal turismo specie nella zona dell’Istria e della Dalmazia.

Questi comuni sono molto attenti a propagandare all’estero un’immagine basata sull’accoglienza, la tranquillita` e la serenita` percio` hanno tutto l’interesse a tener nascoste le soppressioni dei cani che sporcherebbero di sangue la loro immagine internazionale.

Non crediamo  nella sensibilita` degli amministratori pubblici, non lanciamo una petizione rivolta a qualche politico invocando ragionevolezza e umanita`, ma minacciamo di colpire gli interessi di chi finazia le soppressioni, i proffitti!

Invitiamo tutti, singoli e collettivi a unirsi in un boicottaggio del turismo verso la Croazia fino alla fine delle sopressioni.

FAI  SENTIRE LA TUA VOCE!

Alcuni  indirizzi e-mail e numeri di telefono dell’ambasciata e dei consolati croati in Italia a cui possiamo dimostrare cortesemente il nostro disgusto difronte alla politica delle sopressioni di cani e gatti in Croazia.

Ambasciata

Tel. 0039-06-363.076.50

0039-06-363.073.00

Ambasciata: 0039-06-363.046.30

e-mail: croatian.enbassy.roma@mvp.hr

ambasciata.croatia.roma@mvp.hr

Consolato

Tel. 0039-02-805.17.72

e-mail: crocons.milano@mvp.hr

consolato.croato@tiscali.it

Alcuni dei comuni che finanziano le soppressioni

Umago tel. 00385/52/702-953

Parenzo tel. 00385/52/432-003

Fiume tel. 00385/51/209-333

Pola tel. 00385/52/222-990

e-mail: ured-gradonacelnika@grad-umag.hr

e-mail: edi.stifanic@porec.hr

e-mail: gradonacelnik@rijeka.hr

e-mail: boris.miletic@pula.hr

L’OBBIETTIVO La mobilitazione internazionale contro lo stato croato in cui rientra questo appuntamento vuole squarciare quel teatrino di carta, quell’immagine da cartolina dietro alla quale si celano sbarre e morte. Crediamo che un forte boicottaggio del turismo in Croazia potrebbe portare a drastici cambiamenti in breve tempo salvando milioni di cani e gatti.

A dimostrazione della fragilita` del sistema che si regge sulla menzogna e la disinformazione ci sono le dichiarazioni di politici e veterinari consapevoli della cattiva pubblicita` delle soppressioni che negano che queste stiano avvenendo nei loro comuni, sotto il loro mandato o scaricano la colpa ad altre istituzioni, in realta` tutti sanno che in tutti i comuni avvengono o si finanziano le soppressioni. Due esempi fra molti. Il sindaco di Umago, nota citta` turistica istriana nega che i cani siano soppressi, mentre allo stesso tempo divulga una gara d’appalto per cercare cliniche veterinarie che sopprimano i cani a un minor prezzo. Altro esempio e` quello di Dubrovnik, citta` turistica della Dalmazia dove dovevano/devono (non si capisce) essere soppressi 200 cani e dove il sindaco continua a giustificarsi dicendo che questa e` la legge nazionale mentre il governo nazionale da tutta la responsabilita` al sindaco della citta`. Come unica alternativa al massacro croato proponiamo la realizzazione di diversi piccoli rifugi a livello locale autogestiti da volontari in cui i soldi pubblici entrino solo sottoforma di cibo, sterilizzazioni e vacinazioni. Siamo assolutamente contrari alla realizzazione di grandi canili regionali, non chiediamo di passare dalla pena di morte all’ergastolo per i cani.

Per ulteriori informazioni :        www.unmondosbagliato.wordpress.com unmondosbagliato@libero.it

Annunci

~ di unmondosbagliato su 24 dicembre 2009.

5 Risposte to “TESTO DEL VOLANTINO CONTRO LE SOPPRESSIONI DI CANI E GATTI IN CROAZIA; DIFFONDETE!”

  1. sopprimete chi sopprime!!!!!!!!!!!

  2. che orrore!!! qualsiasi essere umano merita di vivere, e le creature più indifese hanno il diritto di essere aiutate non soppresse…… BASTARDI!!!!

  3. perchè non mandare una e mail a forum? Rita dalla Chiesa è una amante degli animali e vi aiuterebbe a far smuovere le acque!

  4. per quanto nel mio piccolo cerchi di divulgare le notizie per salvare i nostri adorati amici a quattro zampe, non riusciremo mai a risolverre il problema alla base. Dobbiam farci sentire anche fuori dalla regione.. (ci sono tante persone che da tutta italia vanno in vacanza in croazia!))

  5. mi dispiace davvero..vado da anni in vacanza in croazia e non sapevo nulla di questa storia..adoro gli animali e in particolare i cani e sono disposto a dare il mio aiuto x salvare questi poveri animali..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: